La sedia con vista

Probabilmente, alla fine di tutte le paranoie c'è solo una sedia. 
Una sedia vuota, con tre gambe
e dei petali di pesco sparsi.

Una sedia con vista

di vetro

mura tutte intorno

trasparenti

Da cui osservare il mondo senza essere visti.

Muti, ma con gli occhi spalancati e le orecchie tese ad ascoltare.

Le parole non dette, i loop mentali, la stanchezza di essere al mondo, di provare con forza a dare un senso a ogni cosa.

La verità non esiste, diceva Luigi, eppure nel nostro dark la cerchiamo prepotentemente, come se dare un senso fosse l’unico motore dell’esistenza.

Probabilmente, alla fine di ogni paranoia, c'è una prigione 
di quattro mura trasparenti
con su scritte tutte
le parole che non riusciamo a dire.

— Tagliatele la testa! urlò la Regina con quanta voce aveva. Ma nessuno si mosse.

Alice Nel Paese delle Meraviglie, Lewis Carroll

La testa da prendere a morsi, strappare e lanciare in un fiume calmo con un percorso lungo, infinito,

sentire solo il rumore bianco dell’acqua che scorre.

‘ché deve trovare lo Stop, ‘ché va avanti e indietro da anni e non risolve, ma

danneggia,

groviglia,

ingarbuglia ma non esplode.

— Chi si cura di te? — disse Alice, (allora era cresciuta fino alla sua statura naturale.);

— Tu non sei che la Regina d’un mazzo di carte.

Probabilmente, alla fine di 
ogni paranoia,
c'è una testa staccata
che è scappata dal porto,
che parla e nessuno la sente.

Le aspettative alla radice di tutti gli infarti. Catene di vorrei che ti immobilizzano.

Non respiro.

E se alla fine, avessimo ottenuto tutto ciò che abbiamo sempre voluto ma non sapevamo di volere?

Se alla radice di tutti gli infarti, poi, ci fosse solo una sedia vuota, con petali di pesco, e una testa staccata?

Probabilmente, 
quando ce ne renderemo conto
avremo già creato il nostro film

loro e noi i performanti, protagonisti, antagonisti, caratteristi ma pur sempre scritti

da noi, autori senza penna né verso

mentre seduti in regia su quella stessa sedia vuota,

accarezziamo la scenografia di vetro

la macchina da presa rallenta

le luci si abbassano

e sullo schermo appare

— Oh! ho avuto un sogno così curioso! — disse Alice.

Reiwa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...